DON’T CRY FOR ME

DON’T CRY FOR ME

Nell’aldilà dell’avvenire
dormono le antiche paure,
attendono ogni passo errato
pronte per saltarci addosso.

Mi accuccio nel ventre
di questa notte condannata a non finire,
gettata in pasto al karma,
agli orchi e alle streghe.

No,
io non ho paura,
farò l’amore con i miei spettri
germogliati all’epoca degli alberi acerbi,
resistenti ai colpi e ai tradimenti.

Non piangere per me
quando ti abbandonerà la luna…

Non sei mai stato abbastanza vicino,
eri soltanto un burattino!

Izabella Teresa Kostka
Omaggio di parole
a Mira Nedyalkova
per Words Social Forum

image

Photo by Mira Nedyalkova, from web

Advertisements

“MAI PIÙ” – Izabella Teresa Kostka legge i suoi versi tratti dall’antologia del ” Verseggiando…”” su YouTube

Leggo i miei versi tratti dall’antologia “Mai più ” per il Giorno della Memoria, Cerifos di Milano, 27 maggio 2016.

“GLI ESPULSI DALL’EDEN ” E “MAI PIÙ ” – la presentazione dei libri.

Grandissime emozioni durante la presentazione del mio ultimo libro “Gli espulsi dall’Eden “( CTL Centro Tipografico Livornese Editore) e della 1° antologia del Verseggiando sotto gli astri di Milano dal titolo “Mai più – per il Giorno della Memoria ”  (Antologica Atelier Edizioni). Ringrazio di cuore tutti i poeti partecipanti alla lettura delle poesie tratte dall’antologia  e la relatrice del mio volume Mariateresa Bocca  (Feltrinelli di Vigevano). 27 maggio 2016, Cerifos, Milano nell’ambito del ciclo “Tète à tête con l’autore”.

image

image

image

image

image

image

Foto dell’autrice, copyright.

L’INNO ALLA TERRA

L’INNO ALLA TERRA

Oh Terra,
il tuo grembo pregno
come quello d’una donna
al compiersi della sua luna,
germogli di fine purezza
sfavillante di primavera,
dolci i tuoi gemiti
al partorire dei fiori,
teneri i canti
delle creature divine.

Tu, Madre eterna di fresca essenza,
potente regina di ogni creato,
accogli nel ventre le nostre stagioni
lodate negli anni di varie fatiche.

Il tuo sorriso dipinto nel cielo
riscalda di giorno le terre di piombo,
abbraccia i viali, i villaggi di marmo,
fa risorgere la vita nel cupo inverno.

Tu, figlia lodata di Demetra divina,
che porti la luce schivando l’inferno,
sei il potere del primordiale
in ogni istante dell’esistenza.

Possa tu fiorire per sempre!

Izabella Teresa Kostka
tratto dall’antologia “Il cantico delle stagioni”
Antologica Atelier Edizioni 2016
Diritti riservati

image

PIANOFORTE

IL PIANOFORTE

Robuste ali
tremano di rabbia,
coi saggi arpeggi 
squarciando l’aria.
Due corvi delle mani
sorvolano i tasti
nel biancastro sorriso
perdendo le piume.

Vibrazioni
d’emozioni
divorano
neuroni.

Un brivido
nella carne
di ebano puro.

Respiro
intrappolata tra le corde.

settembre 2014
Izabella Teresa Kostka
tratto dalla raccolta monografica “Caleidoscopio”
Antologica Atelier Edizioni 2015
Tutti i diritti riservati

image

Foto dell’autrice, copyright

L’ECLISSI

L’ ECLISSI

Potessi piangere lo faresti, Luna,
impaurita dal malore della nostra Terra,
nascondi desolata una parte del volto
oscurato per sempre dall’Universo.

Tremi tra la polvere di stelle cadenti
muta e immobile nell’argenteo dolore,
ti rispecchi negli abissi dei gelidi mari
che ingoiano le salme dei pellegrini.

Profughi sbagliati seguenti gli astri,
stregati dalle luci e dai moderni miraggi,
viaggiatori illusi dalla speranza
naufragati alle porte dell’Isola  Promessa.

Sapessi gridare lo faresti, Luna,
invocando le orde degli angeli celesti!

Abbassi lo sguardo dall’impotenza,
pregando per l’umanità in una triste eclissi.

Izabella Teresa Kostka
“Astri immensi 2”
Antologica Atelier Edizioni
Diritti riservati

image

Photo from web

TI RITROVERÒ

TI RITROVERO’

Ti ritroverò
al languire del mio sole
mentre la vita cederà al riposo,
avrò le gote impallidite
coperte di sale e compassione.

Diventerà vergine il nostro affetto
libero da ogni carnale piacere,
grezzo e nudo il desiderio
dormiente tra le stanze del non ritorno.

C’incontreremo
nello spazio delle risposte
come profughi spogli di ogni ricchezza,
peccatori stregati dal sapore della mela
in un tragitto destinato a non finire.

Due vecchi profeti dello stesso amore.

Izabella Teresa Kostka
2016 copyright

image

Photo from web