LOVERS (amanti)

Con grande commozione ed emozione ringrazio il grande Franco Picchini per questo prezioso dono: “LOVERS ( amanti) ” una delle mie poesie tratte dal libro “KA_R_MASUTRA” (Kimerik Edizioni, 2018) recitata dalla sua calda, inquietante voce.

Buon ascolto:

Advertisements

CREDO 2°

CREDO 2°

Tra i miei versi non “planano i gabbiani”
né sorge l’aurora dalle onde del mare,
non si abbracciano gli amanti uniti dagli spasmi
tra i respiri affannati d’un caldo approccio.

No,
non cercate qui l’alba
– sdolcinata regina di ogni speranza,
il candido seno non vi offre la calma,
è sconvolto piuttosto dai singhiozzi del pianto.

Io grido e graffio,
non nascondo gli artigli,
esprimo spavalda ogni dolore,
racconto il Male, le ingiustizie,
condanno le guerre che portano Morte.

Dono la voce agli sdentati barboni
deperiti al buio sotto un ponte,
dipingo col sangue le urla delle donne
uccise di giorno in nome dell’amore.

Non ho paura del Vostro rifiuto,
non temo neanche l’aspro disprezzo,
sono la voce della coscienza
rifiutata dal Mondo e dall’apparenza.

Lapidatemi pure con le parole,
con le critiche sterili e prive di cuore,
percorrerò orgogliosa il mio sentiero
creando il diario del terrestre terrore.

No,
non avrete mai il mio odio,
soltanto la triste, profonda compassione.

Izabella Teresa Kostka
“Decalogo” 2016
Diritti riservati

OLTRE I FILI SPINATI

OLTRE I FILI SPINATI

Ci siamo incontrati oltre i fili spinati
che dividevano la mezzaluna da una vecchia croce,
due mondi sbagliati, chiari e scuri,
due figli innocenti in una gregge di pecore.

Non badavamo alle bombe
dividendo l’unica caramella tirata fuori da una tasca rotta,
eravamo come due ingenui cuccioli
svezzati troppo presto dal grembo materno.

(S’intrecciavano le nostre mani
mentre scartavamo quel miserabile dolcetto)

Eravamo bambini,
ottimi amici
imprigionati nel Mondo dei folli adulti,
due lati opposti della stessa moneta
che rendeva “scontata” la vita umana.

Ci hanno visti abbracciati,
accucciati come conigli,
legati per sempre dal sapore del dolciume,
nessuno ha chiesto i nostri nomi
giudicandoci soltanto dal colore della pelle.

E fu uno sparo bianco – nero,
l’ultimo regalo su questa Terra.

Gemono ancora le nostre madri
versando le lacrime nello stesso fiume.

Izabella Teresa Kostka, 2018

Diritti riservati

SIESTA

SIESTA (dal Baltico al Mediterraneo) fragranze: fior di melo, cuoio (tratto dall’antologia proustiana Proust 7° “Il profumo del tempo”, La Recherche, 2017)

Ho serrato le finestre degli occhi.

Nella calura del Solleone
bisbigliavano soltanto le cicale,
esauste dall’arsura scatenata sulla costa
in una consueta domenica di agosto.

Amavo questa landa
estesa sul versante del Mediterraneo,
impregnata di fragranza del rosmarino
aleggiante tra le braccia dell’eteree zagare.

(Potrei mai abbandonarmi ad un breve sonno?)

Erano pesanti le palpebre
soppresse dall’oleastra speziosa aria
corposa come il vino della Trinacria
così distante dalla mia infanzia.

Eppure quelle zagare mi confondevano
somigliando nel dormiveglia ai fiori di melo…

Correvo nei campi tra le spighe di grano
seguendo la scia del loro profumo,
sedotta, ubriaca dalla dolce freschezza,
dal richiamo dei ricordi della terra materna.

Ai piedi di un melo sbocciavano i papaveri,
confusi dal candore dei freschi petali:
la bianca innocenza e il vermiglio sangue
uniti in un abbraccio sulla vecchia bandiera.

Il mio tempo acerbo profumava di mele,
di avvolgente cannella al vespero decembrino
sconvolto dalle urla dei manifestanti
riuniti in piazza per abolire il regime.

Solidarietà e uguaglianza – miraggi nell’aria
densa dell’odore degli stivali di cuoio
che falciavano sui marciapiedi i fiocchi di neve,
quegli avvizziti da tempo fiori di melo.

Trasformazione di una gemma in un frutto futuro
destinato a maturare sulla terra straniera…

Ho sollevato le tapparelle dagli occhi.

Gorgheggiavano i grilli
turbati dal pianto delle cicogne
nella mia errante mente.

Izabella Teresa Kostka
Edita, 2017
Tutti i diritti riservati.

INTRECCI POETICI: PRESENTAZIONE DEL LIBRO “KA_R_MASUTRA” DI IZABELLA TERESA KOSTKA

Sotto l’egida del programma “Verseggiando sotto gli astri di Milano” invitiamo al pomeriggio poetico musicale “INTRECCI POETICI” – la presentazione dei libri “KA_R_MASUTRA” di IZABELLA TERESA KOSTKA (Kimerik Edizioni) e “SCUCITA VOCE” di LINA LURASCHI (Gilgamesh Edizioni). Intervengono: M° GUIDO OLDANI (poeta), LUCIA BONANNI (critico letterario, poetessa, autrice della prefazione al libro “Ka_r_masutra”), MARIANGELA UNGARO (pianoforte) e LORENZO ALFIERI (attore). Segue il MICROFONO APERTO per i poeti presenti all’evento (per adesioni: kostkaizabella@libero.it).
Organizzato in collaborazione con Milano Music Zone.
DOVE E QUANDO: SABATO, 29 SETTEMBRE 2018, ore 17.00, via REINACH N° 7 (zona Niguarda), cancello nero fronte civico n° 4 MILANO.

INGRESSO LIBERO E GRATUITO. VI ASPETTIAMO NUMEROSI

“PAESAGGI LIBERI” contro la violenza sulle donne

FOTO: UMBERTO BARBERA e LUCIANO DI SISTO
Presentazione dell’antologia contro la violenza sulle donne “PAESAGGI LIBERI ” a cura di Pasquale De Falco. Con la partecipazione di Clara Campi, Ilaria Pelliccia, Domitilla Colombo e numerosi POETI contemporanei. Evento nell’ambito del “Verseggiando sotto gli astri di Milano” organizzazione Izabella Teresa Kostka in collaborazione con l’associazione Amici Cascina Linterno Gianni Bianchi e Giuseppe Leccardi. Foto UMBERTO BARBERA . 30 giugno 2018 presso la Chiesetta dell’Assunta Cascina Linterno a Milano.