“Verseggiando” e il Realismo Terminale al Festival Internazionale della Poesia a Milano

Tags

, , ,

Non mancheremo al Festival Internazionale della Poesia a Milano.
Con Giuseppe Langella, Guido Oldani, Realisti Terminali, POETICANTI, Massimo Silvotti, Sabrina De Canio, Izabella Teresa Kostka, Marco Pellegrini, Enrico Ratti, Antje Stehn, Tito Truglia, Barbara Rabita, Antonio Laneve, Patrizia Varnier, Umberto Barbera e Maria Teresa Tedde.
Sabato 11 maggio 2019 ore 14.30 presso l’Ex Fornace Gola, Alzaia Naviglio Pavese 16, Milano.

Per i dettagli seguire il link:

https://alessandriatoday.wordpress.com/2019/04/17/verseggiando-e-il-realismo-terminale-al-festival-internazionale-della-poesia-a-milano/?preview=true

I miei testi appartenenti al Realismo Terminale su “La presenza di Èrato”

Tags

, , , ,

#realismoterminale

Ringrazio la redazione dell’importante portale letterario “La presenza di Èrato” e il redattore Luciano Nota per l’attenzione dedicata ai miei versi e la pubblicazione di Quattro Pensieri appartenenti al Realismo Terminale.

Buona lettura agli interessati:

Quattro pensieri di Izabella Teresa Kostka appartenenti al Realismo Terminale

LACERAZIONI

Tags

, , ,

LACERAZIONI

Malinconie
grondano pregne
delle prime gocce di liquore,

voragini
come crepe sull’asfalto
lasciate dal disgelo invernale.

Lacerazioni
nelle piccole fessure
aperte tra i mattoni del vissuto,

fili spinati
nei campi quotidiani
di lavoratori e disoccupati.

Ergastolani
condannati a vita.

Izabella Teresa Kostka

2018, Edita. Diritti riservati

OLTRE I FILI SPINATI

Tags

, , ,

OLTRE I FILI SPINATI

Ci siamo incontrati oltre i fili spinati
che dividevano la mezzaluna da una vecchia croce,
due mondi sbagliati, chiari e scuri,
due figli innocenti in una gregge di pecore.

Non badavamo alle bombe
dividendo l’unica caramella tirata fuori da una tasca rotta,
eravamo come due ingenui cuccioli
svezzati troppo presto dal grembo materno.

(S’intrecciavano le nostre mani
mentre scartavamo quel miserabile dolcetto)

Eravamo bambini,
ottimi amici
imprigionati nel Mondo dei folli adulti,
due lati opposti della stessa moneta
che rendeva “scontata” la vita umana.

Ci hanno visti abbracciati,
accucciati come conigli,
legati per sempre dal sapore del dolciume,
nessuno ha chiesto i nostri nomi
giudicandoci soltanto dal colore della pelle.

E fu uno sparo bianco – nero,
l’ultimo regalo su questa Terra.

Gemono ancora le nostre madri
versando le lacrime nello stesso fiume.

Izabella Teresa Kostka

2018, tutti i diritti riservati

Foto: Pixabay

FOTOGRAFIA: Il fascino inquieto e terminale del “Black and White”

Tags

, , ,

Verso la liberazione, al fiume Lambro, provincia di Milano, foto©kostka

(by I.T.K)

Oggi, ai tempi della supremazia dei colori, dei dispositivi digitali in grado di regalarci in qualsiasi momento delle immagini scattate con perfezione e nitidezza sorprendenti, vorrei dedicare un attimo di riflessione alla drammatica e gotica bellezza degli scatti in bianco e nero. Il loro oscuro fascino mi attrae da sempre, soprattutto la crudeltà e la magia inclusa nei contrasti, nel chiaro – scuro e nelle ombre ispirate ai dipinti di Caravaggio. Una fotografia priva di distrazione multicolore mette in evidenza la struttura degli oggetti stessi, trasformandoli spesso in forme sconosciute di espressione quasi psichedelica. La struttura delle cose e la prospettiva cambiano radicalmente, la natura e i paesaggi iniziano una seconda oscura vita, quella teatrale e inaspettata. Oserei dire ancora di più! Le visioni in bianco e nero presentano spesso l’unione perfetta tra il passato e la contemporaneità rivoluzionaria della stilistica del Realismo Terminale.

Buona visione.

Izabella Teresa Kostka

Foto: Izabella Teresa Kostka, diritti riservati

Articolo anche su “Alessandria Today”:

https://alessandriatoday.wordpress.com/2019/04/05/fotografia-il-fascino-inquieto-e-terminale-del-black-and-white/?preview=true

Prospettiva, le sponde del fiume Lambro, photo©kostka

Vecchia fabbrica trasformata in abitazioni recenti, photo©kostka

Continue reading