#SpillwordsPress USA: “Al maschilista” (EN, IT, PL)

Sul portale letterario “Spillwords Press” negli USA è stato appena pubblicato un mio testo trilingue contro la violenza sulle donne dal titolo “To the male chauvinist / Al maschilista / Do męskiego szowinisty”. Invito alla lettura:

Na portalu literackim „Spillwords Press” w USA ukazał się właśnie mój tekst trzyjęzyczny (En, IT, Pl) „Do męskiego szowinisty” przeciwko przemocy w stosunku do kobiet.

Zapraszam do przeczytania:

https://spillwords.com/to-the-male-chauvinist/

DEDICATA ALLE DONNE POLACCHE – DEDYKOWANA POLKOM  (#pieklokobiet #strajkkobiet )

DEDICATA ALLE DONNE POLACCHE – DEDYKOWANA POLKOM (#pieklokobiet #strajkkobiet )

Non starò a tacere,
a obbedire con la bocca cucita,
il mio utero urlerà ribelle
e come un’ascia spezzerà le catene.

Tenete lontano i vostri artigli!

Dal pianto la libertà sorgerà.

×

Nie będę milczeć,
czekać posłuszna z zakneblowanymi ustami,
z mej macicy zrodzi się krzyk buntu
i jak siekiera rozerwie łańcuchy.

Trzymajcie daleko wasze szpony!

Wzejdzie wolność z mego płaczu.

27 ottobre 2020 / 27 października 2020

Izabella Teresa Kostka

Su Alessandria Today:

Dedicata alle donne polacche che lottano per la loro dignità e i loro diritti dopo l’ultima modifica della legge contro l’aborto in caso di irreversibile malformazione del feto:

https://alessandriatoday.wordpress.com/2020/10/28/angolo-di-poesia-bilingue-dedicata-alle-donne-polacche-dedykowana-polkom/?preview=true

Racconterà di noi

RACCONTERÀ DI NOI

Naufraga lentamente
nell’oceano pubico delle mie maree,
ove annega ogni peccato
distante dal senso del Bene e del Male.

Non pensare,
segui il flusso del vero sentire
sprigionato dal ventre della lussuria,
intreccia le membra alle mie radici
sul tuo corpo avvolte come i rami dell’edera.

Rigogliosi fioriremo all’arrivo della pioggia,
bagnati dall’essenza di una Nuova Vita.

Essa racconterà di noi
nell’avvenire della nostra mancanza.

Izabella Teresa Kostka
2016, diritti riservati, edita

Izabella Teresa Kostka, Milano 2020

“Antologie di transiti” vol. XIII a cura di Giuseppe Vetromile

Sono onorata di far parte di questo interessante progetto antologico indetto dal poeta Giuseppe Vetromile che ringrazio per il gradito invito. Buona lettura agli interessati:

https://antologieditransiti.blogspot.com/2020/08/volume-xiii.html?spref=fb&m=1

P.s. Saluti dal Mar Baltico

Un mio racconto bilingue nell’antologia “L’occhio di vetro. Racconti del Realismo Terminale”(Mursia, collana Argani 2020)

#realismoterminale #mursia #Argani
Un’emozione indescrivibile e l’immensa soddisfazione professionale: ho appena ricevuto tramite corriere la mia copia dell’antologia del Realismo Terminale “L’occhio di vetro. Racconti del Realismo Terminale” a cura del Prof. Daniele Maria Pegorari (editore Mursia, collana Argani, 2020) in cui è stato pubblicato un mio racconto bilingue italo – polacco appartenente al RT e intitolato ” Un atterraggio di emergenza / Przymusowe lądowanie”.
Un sogno diventato realtà. Ringrazio il M° Guido Oldani per l’invito a questa preziosa pubblicazione. Onorata di trovarmi sulle sue pagine insieme agli autori esponenti del RT.

#Bezkres / Infinito: un articolo di Massimo Silvotti “Piccolo Museo della Poesia di Piacenza” nella mia traduzione e alcuni miei testi del Realismo Terminale

In anteprima, nel numero di luglio del mensile polacco “Bezkres / Infinito”, verrà pubblicato un articolo riguardante il Piccolo Museo della Poesia di Piacenza di Massimo Silvotti nella mia traduzione in lingua polacca. Ad maiora!

Ovviamente il Museo è legato profondamente anche alla corrente del Realismo Terminale di Guido Oldani.

Nello stesso numero anche i miei testi bilingue appartamenti al Realismo Terminale.

#realismoterminale

CANTANDO ALLA VITA

CANTANDO ALLA VITA

Nulla
può impedirmi di volare.

Potete imprigionarmi
tra binari di pregiudizi,
leggi marziali, cuori di cemento,
deridere ogni sbaglio
e brusca caduta,
applaudendo, sfacciati, la vigliaccheria.

Sono un sasso nelle Vostre scarpe?

Toglietemi subito dalla memoria,
dagli occhi accecati dalle menzogne,
il mio moto perpetuo non lo fermerete
si alimenterà audace della speranza.

Questo Mondo è una discarica di rifiuti
drogati di fama e di apparenze,
rincorre il danaro come un cane
legato alla corda nella recinzione.

Mi trovate rabbiosa?

Sono voce d’un libero pensiero
senza prospettive né un felice atterraggio,
combatto e abbatto le frontiere umane
per raggiungere, un giorno,
i campi della comprensione.

Come un aquilone mi lancerò
intonando per sempre il canto alla vita!

Izabella Teresa Kostka, 2019

Diritti intellettuali riservati all’autrice

Milano, 2020

ESPLOSIONE (2017)

ESPLOSIONE (2017)

E resto muta
senza voce
deflagrata dall’ira, dallo scoppio dell’odio,
un rottame vivente in balìa dei pazzi
drogati dall’odore di fumo e sangue.

A cosa serve implorare Dio
nei tempi protetti dalle sbarre e dai muri,
accendere i ceri sulle macerie
degli ultimi miraggi della democrazia?

Poveri fessi,
ancora illusi,
credenti nella grandezza della specie umana,
striscianti come bruchi sui marciapiedi
alla ricerca invana di qualche riparo.

Sanguinanti relitti spogli di nome
falciati dalle ruote della Follia.

23 maggio 2017
Izabella Teresa Kostka
T.D.R., edita

Izabella Teresa Kostka, foto dall’archivio privato, 2020

ANIMA SPOGLIA

ANIMA SPOGLIA (tratto dal libro “Ka_r_masutra” Kimerik Editore, 2018)

Questa mia anima nuda non rincorrerà mai la gloria
né gli spiriti del baccanale
che si svendono per il danaro
come iene in assalto all’abbandonata salma.

Così testarda e orgogliosa
nell’indipendente urlo della coscienza,
nutrita di sangue dell’essere donna
sacrificata nei tempi della prepotenza.

Vegeto imbavagliata negli ingranaggi
dell’epoca moderna del crudele Caino
che si diverte annientando i discepoli di Abele
nascosti timorosi, circondati dalla follia.

Questa mia anima spoglia
sanguinerà come l’agnello ai piedi di una croce,
chiederà perdono assorta nel silenzio
degli angeli caduti, maledetti dagli innocenti.

Izabella Teresa Kostka, tutti i diritti riservati

©kimerik ©kostka

Foto dall’archivio privato, diritti riservati