SEZIONE POLACCA: WICHRZYSKO – Dziennik podróży

Zapraszam do poczytania i polubienia mego nowego rozwichrzonego blogu / Invito alla lettura e a seguire il mio nuovo blog “ventoso”:

https://wichrzysko.wordpress.com/category/dziennik-podrozy-wyznania/

ABOUT “KA_R_MASUTRA” KIMERIK EDIZIONI 2018

Carissimi!

Come ha scritto la poetessa e critico letterario Lucia Bonanni nella sua splendida prefazione, libro “KA_R_MASUTRA” è un viaggio odisseico, un racconto quasi biblico. Personalmente sottolineo un aspetto importante: questo volume sicuramente dona un taglio alla tematica sociale e appartiene a completamente diverso genere poetico: dall’erotica al destino, dalla passione alla quiete, dal peccato primordiale alla fine dei tempi. Tra l’ardore fisico e la riflessione spirituale. Spero che possa piacere e incuriosire molti di Voi, lo desidero di nascosto nel profondo del cuore. Incrocio le dita augurando a tutti i futuri lettori tante intense emozioni.

Per info:

http://www.kimerik.it

izabellateresapoesie@yahoo.com

DAL BALTICO AL MEDITERRANEO (dedicata alle mie due Patrie)

DAL BALTICO AL MEDITERRANEO (dedicata alle mie due Patrie, scritta oltre tre anni fa)

Nella bruma dei lontani ricordi vivono le fragranze del pane
impastato da segale e miele nelle case circondate dai laghi,
dalle acque limpide e cristalline come cuori di acerbe fanciulle
con le trecce tinte di frumento rubato ai campi di grano.

La landa dell’eterna infanzia sopravvissuta all’adolescenza,
nascosta da bruschi tormenti del tempo di cotante guerre.

Sfoglio le pagine del passato così distante eppur sempre vicino,
sfioro i volti sulle fotografie
portate nelle tasche verso le rive del Mediterraneo.

Ove sarebbe il mio posto,
la meta serena del pellegrinaggio,
la dimora eterna per queste membra
provate sulle strade di un lungo viaggio?

Il mio oggi profuma di basilico
sbocciato sereno sul davanzale di una grande finestra,
ogni tramonto vibra dai canti dei grilli
– compagni inquieti dell’imbrunire.

Mi sento a casa tra le langhe vestite di vigneti
ove il sole abbraccia i monti baciando la pelle dei campagnoli,
ove le onde scolpiscono le scogliere
protette dal potente e rabbioso Vesuvio.

Vivo questa Terra
pregna di sudore che annaffia gli ulivi,
abbellita con gemme di dorate ginestre
– guardiane fedeli del solleone.

Respiro la sua essenza eppure
il mio pensiero è colorato di more
lasciate alle spalle nei boschi di ieri,
all’alba la pelle è calda come l’ambra
nata nel Baltico dalle gocce di resina.

Non trovo la pace sospesa tra il presente
e i riverberi della mia memoria.

Izabella Teresa Kostka

“Dal Baltico al Mediterraneo” 2015 – 2016

Tutti i diritti riservati all’autrice