Tags

, , , , ,

GERUSALEMME

China il capo l’ulivo pensieroso
nella misericordia divina cercando l’appoggio,
saziato nei secoli con le lacrime di Cristo
la giustizia terrestre invoca invano.

Si lamenta Gerusalemme sui sepolcri silenti
alle vittime di guerra chiedendo il perdono,
al muro del pianto appende i rimpianti
dipinti sui volti di ogni fede.

Giace inerte sulle ceneri dei popoli
di fratellanza umana cogliendo le briciole,
nei tempi dorati aleggiano le anime
di vite sgozzate in nome degli Dei.

Avvinghiata,
sconfitta,
in cupo silenzio,
protegge le tracce del proprio orgoglio,
si rialza eretta al sorgere dell’urlo,
nel richiamo dolente in cerca di pace.

Eppure,
il sangue vermiglio scorre ancora
umiliando gli antichi sentieri dei Santi.

Izabella Teresa Kostka
Tratto dal libro “Peccati” 2015
Volume premiato con la Menzione d’Onore al Concorso Club della Poesia sezione Libro Edito di Poesia (Cosenza 2017)

Foto dal web 

Advertisements