Tags

, , , ,

​PENSANDO  A TE (lettera al figlio autistico)                       

Ciao Piccolo, ti penso.
Sei sommerso in uno spazio senza parole
disperse nel vuoto della lunga assenza,
vivi altrove, in un castello di vetro, 
ingabbiato tra le sbarre di una prigione.

Prendi la mano che stendo al buio
per accompagnarti nel viaggio oltre il confine,
tenterò di capirti in ogni silenzio
dipinto di notte dai numeri primi.

Non piangere, ti supplico, sei la parte migliore 
di questo Mondo di vera follia,
t’ammirano gli alberi pregni di vita,
gravidi di gemme e di saggezza.

Gente dirà che non vali nulla
spingendoti nell’oblio, nell’emarginazione,
ma tu hai la forza del Redentore
che sconfigge le ombre e i pregiudizi!

Adoro le risate, gl’innocenti sussurri  sfuggiti alla guardia della mente ribelle,
ti sono accanto eppur così lontana,
nella diversità distante, nel cuor tanto vicina.

T’insegnerò a gridare il tuo nome
per non passare inosservato,
imparerò a capire il linguaggio dei gesti
composti negli anni dell’isolamento.

Mi manchi, rinchiuso nel guscio di una conchiglia,
tormentato dalle alte e basse maree,
ti lascerò questa lettera in uno scrigno segreto,
in attesa eterna di un giorno migliore.

Tua Mamma

Izabella Teresa Kostka
2016 diritti riservati
“Menzione d’Onore ” al Concorso Letterario Nazionale “Mani in volo” Costabissara 2016.


Advertisements