Tags

, , ,

​MARE 

In questo antico mare
navigo alla deriva,
una zattera coperta di sale 
raccolto all’epoca dell’eterno pianto.

Ammiro il vortice della battigia 
che dona l’inizio ad ogni fine,
risucchia tutti i livori portandoli lontano, 
verso l’abisso del remoto rimpianto.

Non chiedermi “il perché” di quelle maree
che oggi  lambiscono ogni ricordo,
rinascono le gemme dai calcinacci 
dei giorni trascorsi nelle battaglie.

Mi arrendo ai bisbigli delle torbide acque,
al proseguire inquieto dello svanire,
abbraccio le correnti della risacca,
rassegnata galleggio seguendo la rotta.

Venero il mare
instancabile testimone di ogni tempo.

Izabella Teresa Kostka 2016@copyright 

Advertisements