Tags

, , ,

EGO

Sgretolate  dimensioni dell’egoismo
giungono al suolo al morir del giorno,
lambiscono mute le remote ferite
lapidate al buio dai sensi di colpa.

Strisciano di notte nei vicoli ciechi
stordite,
impaurite dalla propria vergogna.

Non sanno ammettere l’imminente sconfitta.

Germogliano all’alba dell’ignoranza
cotanti profeti e sacerdoti,
lodando da sempre la vecchia Dea
annientata sull’ara ricca di marciume.

Scrutano il vuoto oscurato dell’Ego
pietrificati,
condannati al loro inferno.

Divorati dall’egocentrismo.

Izabella Teresa Kostka
Omaggio di parole a Gianni Berengo Gardin
per Words Social Forum
2016 diritti riservati

Advertisements