Tags

, ,

( di notte )

Cedo al pigro abbandono
di questa carne esausta,
assopita tra i sussurri
della città mai ferma.
Svolazzo leggiadra spoglia di peso
sorvolando le ombre dai volti anonimi.

Impadronisciti di me, Signora Oscura,
accogli i miei tormenti nella tua dimora,
toglimi di dosso la scaltra indifferenza
degli sguardi estranei privi di essenza.

Oh Notte, gelida e solitaria,
voglio che tu sia la mia salvezza!

Izabella Teresa Kostka
tratto dalla silloge “Incompiuto”
Antologica Atelier Edizioni 2015
Diritti riservati

image

Advertisements