Tags

, , ,

UN MIRACOLO

Sono scesa dal cielo
in questa notte stellare,
per colmare le tue ferite
raccolte sotto la luna blu.

Hai spalancato gli occhi
incredulo al mio arrivo,
esausto dall’inverno dei sensi
e dall’attesa nel vuoto, quaggiù.

Oh, fragile Umano,
viaggiatore inquieto
(in cerca perenne del tuo tesoro),
t’ho preso per mano
come un bambino,
mostrando la luce splendente, lassù.

Hai pianto
salvato dal cupo burrone,
venerando con gioia
il mio nome.

Sono apparsa silente
in un vestito d’organza,
profumata di fresca estate,
Io, la tua S p e r a n z a.

Izabella Teresa Kostka
“Astri immensi 2°”
Antologica Atelier Edizioni
Diritti riservati

image

Advertisements