Tags

, , ,

◆ “Caleidoscopio” di Izabella Teresa Kostka edito da Antologica Atelier Edizioni di Lucia Lanza. La recensione a cura di Giovanni Andrea Negrotti (Gan Poeta).

La poesia di Izabella Teresa Kostka è una poesia “donna”, con tutte le caratteristiche della donna. Accingersi ad entrare in questa poetica è come scoprire un luogo mistico di venerazione, dove l’immaginario cerca nel buio tutte quelle rifrazioni di luci, che possano trasferire nell’anima le molteplici emozioni e sensazioni. La poesia della Kostka non la si può comprendere al primo colpo d’occhio, ma bisogna leggerla con certosina devozione. Quando l’anima e colma impregnata di poesia. È facile che ad ogni strappo, ad ogni sua lacerazione , scaturiscono versi così disposti, armoniosi anche in quelle poesie malinconiche o dure nei confronti della vita. La sua poesia non si identifica affatto con la sua personalità, la sua fantasia enigmatica è una perfetta fusione tra intelletto emozioni e sensualità. Quello che colpisce nelle opere di Isabella e ciò che trae dai suoi stati d’animo dalle sue angosce dai turbamenti dalle esperienze personali facendone materia di poesia. Ogni avvenimento sembra diventare spunto per creare una dimensione diversa, tutto diventa pretesto per cantare l’assoluto, l’eterno, l’esaltazione totale che diventa unico motivo. La poesia è di una straordinaria sensitività, dove i significati si fondono in una scrittura scattante, a volte folgorante come la sua immediatezza espressiva traboccante di vitalità.

Giovanni Andrea Negrotti         (Gan Poeta), Sassari 2015

◆ La prefazione al libro “Caleidoscopio” a cura di Cristiano Papeschi

“Come Aracne tesseva una tela di fili di seta e le Moire greche filavano le sorti del destino degli uomini, così Izabella, nella sua opera “Le briciole del tempo”, costruisce un telaio di immagini poetiche che ha per trama i sentimenti e come ordito le emozioni. Una scrittrice esordiente ma dalla penna indubbiamente matura, nata e cresciuta nell’oceano burrascoso della vita. Una donna, un’anima, un’interiorità alla continua ricerca di quel qualcosa che, probabilmente, non è ancora stato concesso alla natura umana. L’uomo, da quando ha iniziato a calcare la nuda terra, ha sempre cercato qualcosa, perdendo ogni volta di vista quelli che sono i valori insiti nel profondo e ripiegando su superficiali “palliativi” utili solo ad anestetizzare quel senso di vuoto e di impotenza. I soldi? Il potere? La fama? Assolutamente no! Non è questa l’immagine di ricchezza che Izabella descrive nelle sue righe e nei suoi versi: uno sguardo, un abbraccio, un sorriso, una carezza, il calore umano… cosa chiedere di più a questa esistenza così travagliata, se non la sincerità di un sentimento che si perde nei vortici della realtà. L’amore, la gioia, la serenità… richieste semplici, eppure così complesse, traguardi precisi, ma decisamente irraggiungibili… Mi piace pensare alle sue sillogi come un dedalo di emozioni, che si può riassumere magnificamente con un termine tratto dalla lingua madre dell’autrice: “miłość” (“amare”).”

Dottore Cristiano Papeschi
gennaio 2015

◆ Recensione di un lettore:

Ho conosciuto Isabel diversi anni fa attraverso l’amore profondo che nutre per i suoi animali, quelli che lei definisce “figli” ed ama come fossero tali. Già allora ebbi il sospetto che, per citare liberamente Tolkjen, “in questo hobbit c’è più di quanto non colpisca la vista”. E infatti in Isabel c’è davvero molto di più. Poi ho avuto modo di conoscerla meglio esclusivamente attraverso i suoi versi, dalle prime raccolte fino a quest’ultima. Cos’è un “caleidoscopio”? è uno strumento ottico composto di specchi e piccoli frammenti di vetro che creano una molteplicità di immagini geometriche e colorate. Mai titolo fu più indovinato… la poesia di Isabel è come un fascio di luce bianca che attraversa un diamante e viene scomposta nei colori dell’iride, bande cromatiche che sfumano una nell’altra conferendo quell’ammaliante magia ad un semplice ammasso cristallino di atomi di carbonio. A questo punto c’è da chiedersi se la sua poesia sia il diamante, la luce o la gamma cromatica a cui da vita. Probabilmente tutte e tre le cose. Gli antichi greci ritenevano il diamante essere un frammento di stella… così sono i versi di Isabel: frammenti di astri o piccole pietre preziose impresse su pagine bianche con indelebili gocce di inchiostro nero. Quest’anima, vittima di una tempesta interiore, taglia i sentimenti con precisione chirurgica e trasforma semplici emozioni in un tripudio di colori, suoni, profumi e sapori che stimolano tutti e cinque i sensi. Se potessi paragonare questa raccolta di poesie ad un fiore, senza timore di essere additato come scontato, sarebbe sicuramente una rosa del colore rosso più intenso… sfogliando pagina dopo pagina è possibile arrivare al cuore, all’essenza più profumata di un interiorità nascosta sotto petali pronti a dischiudersi ai primi raggi di sole. In confidenza Isabel un giorno mi ha detto: “non chiamarmi poetessa, perchè non mi sento tale”. Questa frase racchiude tutta l’umiltà di una persona che non vuole apparire, ma solo sentire… sentire una goccia d’acqua che cade con la pioggia, il fruscio di un filo d’erba mosso dal vento, l’assordante rumore di una foglia che si posa a terra o il battito d’ali di una farfalla. Ma per fare ciò non basta poter sentire, bisogna piuttosto saper ascoltare. La sua poesia è libera, fuori dagli schemi, priva di catene, selvaggia come un cavallo imbizzarrito. Certe volte è leggera come la piuma di un cigno, altre volte pesante come un macigno in una frana… a volte svanisce come un disegno sulla sabbia portato via dal caldo scirocco, altre volte rimane indelebile come un marchio a fuoco sul cuoio. Una valanga di emozioni che travolge e lascia senza fiato… Come definirei la sua poesia? come un fiocco di neve che si posa sulla pelle nuda e calda di una spalla, si scioglie e corre giù lungo la schiena provocando un intenso brivido.

Angelo Dannato, Roma
aprile 2015

Libro in vendita su tutti i principali store online Amazon, Lulu, Mondadori, in versione cartacea hardcover de luxe 180 pagine oppure in ebook.

Cartaceo:

http://www.amazon.it/gp/aw/s/ref=nb_sb_noss?k=izabella+teresa+kostka+%22Caleidoscopio+%22

http://books.mondadoristore.it/Caleidoscopio-Izabella-Teresa-Kostka/eae978132619967/?_ga=1.132024527.1748830882.1433100059

http://www.lulu.com/shop/izabella-teresa-kostka/caleidoscopio/hardcover/product-22067415.html

Ebook:
http://www.lulu.com/shop/izabella-teresa-kostka/caleidoscopio/ebook/product-22185264.html

Info:
izabellateresapoesie@yahoo.com

image

Advertisements